Super Green Pass e Green Pass “base”: cosa cambia dal 6 dicembre

E’ stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto legge con le indicazioni per il “Super Green Pass”.

Ecco un riepilogo di tutte le misure. Dal 6 dicembre arriva il Green Pass solo per vaccinati e guariti.

Sarà indispensabile per spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie. Novità anche per il green pass “base” attuale, ossia quello ottenibile anche con i tamponi, che resta comunque in vigore e diventerà obbligatorio per i clienti degli alberghi comprese le relative attività di ristorazione, gli spogliatoi per l’attività sportiva, il trasporto ferroviario regionale e trasporto pubblico locale.

Ecco cosa prevede il decreto: Super Green Pass e Green Pass base. Il nuovo Super Green Pass (o Green Pass Rafforzato) sarà necessario per l’accesso a spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche anche in zona bianca e gialla. Novità comunque anche per il Green Pass “base” attuale, ossia quello ottenibile anche attraverso tamponi, che resta comunque in vigore e diventerà obbligatorio dal 6 dicembre anche per i clienti degli alberghi comprese le relative attività di ristorazione, gli spogliatoi per l’attività sportiva comprese quelle che si svolgono all’aperto (calcio e tennis ad esempio), il trasporto ferroviario regionale e interregionale e trasporto pubblico locale (ricordiamo che al momento quest’ultimo obbligo vale infatti solo per i trasporti di lunga percorrenza). Chi possiede già un Green Pass per vaccinazione o guarigione non deve scaricare una nuova Certificazione. Sarà l’App VerificaC19 a riconoscerne la validità! Chi desidera scaricare il Green Pass può farlo facilmente a questo link:

https://www.dgc.gov.it/web/Limitazioni in gialla e arancione solo per i non vaccinati. Altra novità del decreto è la limitazione ai soli non vaccinati delle misure previste in caso di passaggio alla zona gialla o arancione (il riferimento è alla fruizione dei servizi, allo svolgimento delle attività e degli spostamenti, limitati o sospesi ai sensi della normativa vigente in queste due zone) dalle quali saranno invece esenti i titolari del nuovo Green Pass rafforzato, tranne per le norme sull’uso delle mascherine che resterà lo stesso sia per i no vax che per i vaccinati. Validità dei due Green Pass ridotta a 9 mesi. La validità dei Green Pass, sia per questo nuovo “rafforzato” che per quello attualmente in vigore, scenderà da 12 a 9 mesi. La decisione è stata presa alla luce del calo della protezione vaccinale nel tempo, soprattutto per quanto riguarda il rischio di infezione. Nuove categorie per l’obbligo vaccinale. Il decreto introduce poi la vaccinazione obbligatoria anti Covid, terza dose compresa, anche per il personale amministrativo della sanità, per i docenti e il personale amministrativo della scuola, i militari, le forze di polizia, il personale del soccorso pubblico a partire dal prossimo 15 dicembre. Sempre dal 15 dicembre diventerà obbligatoria la dose di richiamo per il personale sanitario e socio sanitario. Viene previso un rafforzamento del sistema dei controlli. Entro 3 giorni dall’entrata in vigore del Decreto legge, i Prefetti sentono il Comitato provinciale ordine e sicurezza, entro 5 giorni adottano il nuovo piano di controlli coinvolgendo tutte le forze di polizia, relazionando periodicamente. Per le mascherine stesse regole di oggi. Nessuna modifica invece per l’uso della mascherina che resta non obbligatoria all’aperto in zona bianca e obbligatoria all’aperto e al chiuso in zona gialla, arancione e rossa. Sempre obbligatorio in tutte le zone portarla con sé e indossarla in caso di potenziali assembramenti o affollamenti. Invariate anche le tipologie e la durata dei tamponi.

Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.